III Tappa: Da SALBERTRAND a Pragelato Granges (Comune di Giaglione) (1147 m slm).

Gruppo Montuoso: M. GENEVRIS, 2.521 m, Punta MONCRONS, 2.507 m

Tempo di percorrenza: 6 ore

Difficoltà: E con alcuni tratti impegnativi

Da Montagne Seu si segue la strada carrozzabile per Monfol, che si raggiunge dopo circa un’ora e 15 minuti, con percorso pianeggiante, facendo però attenzione a non digradare verso Serre Gountard ma prendendo il sentiero G6 in una curva a gomito dopo circa un’ora dal Seu. Alla frazione Monfol è presente una bacheca informativa del Parco del Gran Bosco vicino a una fontana, dove si devia verso sinistra dalla strada principale inoltrandosi nell’abitato. Dopo circa un centinaio di metri si incrocia un sentiero a destra che arriva dalla frazione Gad, e si prosegue a sinistra verso monte seguendo il sentiero SNA G3. Si continua lungo il sentiero che si fa impegnativo e dopo circa 45 minuti dalla frazione Monfol si incrocia una strada carrozzabile detta dell’Enfer. La si attraversa continuando verso monte con il sentiero che dopo altri 40 minuti circa arriva nella località detta Ferro di Cavallo dove incrocia la strada per il col Blegier.

In località Ferro di Cavallo si imbocca il carrareccia che scende verso destra in direzione dell’al- peggio della Laune (indicazione), dopo circa 20 minuti e dopo aver costeggiato dall’alto il lago omonimo, si giunge a un bivio dove verso destra si scende verso l’alpeggio raggiungibile in 10 minuti mentre il percorso svolta verso sinistra e riprende a salire su una stradina che dopo pochi metri si trasforma in sentiero, sino a giungere alla partenza dell’ormai in disuso ski lift Costa Piana con annessa cabina elettrica. Si svolta verso sinistra riprendendo la salita lungo una stradina di servizio delle piste da sci e dopo circa 20 minuti si giunge sul colle di Costapiana (2320 m slm) dove si incrocia la carrozzabile per l’Assietta e dove è posta una bacheca di entrata del Parco del Gran Bosco.

Dal colle, dove i Valdesi scorsero per la prima volta le sospirate montagne natie, si imbocca verso Est il sentiero nr. 326 (nella prima parte aperto alle moto fuoristrada), si costeggia il rio Pomerol fino a raggiungere le ormai diroccate case della borgata Rif (h. 1,15 dal colle). Di fronte alla prima casa del Rif, con una meridiana del 1877, si prende a destra il sentiero che si dirige verso l’alto indicato con una freccia in legno con il numero 4. Raggiunta una carrareccia si scende dolcemente alla borgata Allevè e seguendo sempre le indicazioni nr. 4 si arriva a Pragelato borgata Grange (0,45 dal Rif).

Da vedere: il Parco del Gran Bosco di Salbertrand (bosco di conifere – larici e pini cembri, area attrezzata Serre Blanche di Monfol, sentieri natura e GTA segnalati);il Monte Genevris e il Colle Blegier; la Strada dell’Assietta, una della strade militari più alte (oltre 2.200 m slm) e spettacolari d’Europa, chiusa al traffico il mercoledì e il sabato da luglio ad agosto)

Al Rif, sul versante di Pragelato, il GRV si incrocia con il “sentiero del plaisentif”, itinerario di due giorni a mezza costa che collega Pragelato Plan con Roure.

Per mangiare: strutture di Pragelato.

Per dormire: strutture di Pragelato.

Presenza di fontane: zona attrezzata di Serre Blanche; Borgata Allevé sul versante della Val Chisone.